Simone Losi IT Consulting

Amazon Cloud Drive

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Non c'è che dire, proporre una propria "nuvola" è la moda del momento, ogni importante società che si rispetti in ambito tecnologico offre il proprio servizio gratuito e a pagamento. Vediamo anche Amazon, in grande fermento dopo il lancio dei nuovi Kindle Fire e dell'uscita nei giorni scorsi del servizio "Cloud Player" per la sincronizzazione degli mp3, con il proprio servizio Amazon Cloud Drive. La proposta gratuita, tramite account Amazon, è di 5 GB di storage per l'archiviazione di file. Nulla di nuovo rispetto agli altri servizi cloud già esaminati, se non, a differenza di Dropbox e Google Drive, l'assenza dei file residenti sul computer. Mentre infatti in questi due servizi abbiamo una cartella locale che viene sincronizzata online, Amazon richiede l'upload online dei file, per cui in assenza di connessione non potremo avere a disposizione i nostri documenti. sono comunque 5 GB disponibili che possono sempre tornare comodi, ad esempio, come sistema di backup online.

 

Add comment


Security code
Refresh

back to top ▲