Simone Losi IT Consulting

scansione diagnostica con McAfee Security Scan Plus

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Un tool diagnostico effettua una scansione di verifica senza rimuovere l'eventuale malware rilevato. Fatta questa premessa, McAfee Security Scan Plus è uno strumento gratuito, messa a disposizione dalla nota Software House, da utilizzare per una rapida scansione del computer. Oltre a verificare la presenza e lo stato delle funzionalità principali di protezione (antivirus e firewall), rileva anche eventuali minacce (compresa la cronologia dei browser e i cookie). Quest'ultime, essendo solo uno strumento diagnostico, non potranno essere rimosse dal programma, ma solo tramite altri strumenti; come ad esempio McAfee Avert Stinger (l'altro tool gratuito di McAfee).

 

 

 

 

 

rilevamento e rimozione malware dai dispositivi USB

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

UsbFix è un piccolo tool gratuito specializzato nel rilevamento e rimozione dei virus più comuni da pendrive, dischi esterni, smartphone e in generale qualunque dispositivo collegabile al PC tramite porte USB. Grazie al supporto tecnico sul sito ufficiale, è possibile postare il proprio file di log generato a fine scansione per ottenere informazioni. Oltre al rilevamento consente di riparare il contenuto dei dispositivi mobili compromessi dal malware. Infine, con la funzione vaccinazione, è possibile prevenire le infezioni proteggendo i dispositivi mobili in un click.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

protezione da attacchi phishing con Password Alert

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Gli attacchi di tipo phishing sono tra i più subdoli e diffusi in questa era digitale. Grazie alla contraffazione di email, loghi ed interi siti web, inducono l'inconsapevole visitatore ad inserire dati strettamente riservati; come ad esempio numero di carta di credito, credenziali home banking, ecc... Tatuarsi indelebile nella mente che mai e poi mai banche, assicurazioni, PayPal, iTunes, Google Play Store, eBay, Amazon e qualunque altre servizio online vi chiederanno di confermare o aggiornare i vostri dati personali cliccando su fantomatici (e spesso fantasiosi) link all'interno di improbabili messaggi di posta elettronica. Prima si accede all'area riservata del sito in questione e poi, nel caso, si procedere a modifiche dati e/o aggiornamenti credenziali. Nel caso di siti web contraffatti può diventare difficile, per un utente inesperto, individuare le differenze con l'originale. Ma in realtà ci sono sempre, a partire dal cosiddetto URL (il www.qualcosa per intenderci). Possono venire in aiuto servizi di reputazione come WOT, utilissima estensione che mostra quali siti possono essere considerati attendibili. Un'altra estensione che non può mancare su Chrome è Password Alert di Google stessa. Oltre ad individuare pagine fasulle di Google, avvisando prima dell'inserimento credenziali, manda un avviso se si inserisce la password (ad esempio di Gmail) in un sito diverso dal dominio accounts.google.com.

 

 

 

 

 

back to top ▲