Simone Losi IT Consulting

Chili Security Free Antivirus

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Chili Security è un'interessante software house danese che propone una serie di prodotti per la sicurezza. Oltre alle tipiche versioni a pagamento con maggiori funzioni, è possibile scaricare il loro antivirus gratuito chiamato Chili Antivirus Free Antivirus. Dopo il collegamento sul sito ufficiale, è necessario compilare in tutti i campi del form proposto per ricevere la mail di conferma con il link del download. L'installazione è semplice e rapida, ricorda tremendamente Bitdefender Antivirus Free Edition, cosi come la grafica essenziale e non invadente. Non mi stupirebbe che il motore di ricerca per i virus fosse proprio quello della più famosa Bitdefender, quindi una sicurezza. Una valida alternativa (senza troppe pretese), che offre antivirus e antispam in tempo reale, da affiancare a Defender. 

 

 

 

 

Una volta ricevuta la conferma di acquisto (a costo zero) sulla posta elettronica, si procede con il download del file per l'installazione esattamente come si farebbe con qualsiasi altro acquisto software via web:

 

 

 

 

 

modificare le impostazioni privacy su Windows 10

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Le impostazioni attive di default sulla privacy di Windows 10 stanno suscitando parecchio clamore. Ma è anche vero che il sistema offre la possibilità di disattivare buona parte di queste voci dal consueto menù Impostazioni:

 

 

Al di là delle opinioni personali di ciascun utente, è possibile che la raccolta dei dati possa servire a migliorare il sistema che, ricordo, essere gratuito. Inoltre se la vogliamo dire tutta, anche gli altri sistemi operativi raccolgono dati, semplicemente non permettono di scegliere, come con il menù sopra di Windows. Per quanto riguarda invece gli aggiornamenti (Windows Update), non sono previste nelle impostazioni le opzioni come nei precedenti sistemi Microsoft, in pratica gli aggiornamenti sono obbligatori. Anche qui grandi critiche, ma per quanto mi riguarda un PC aggiornato è un PC più sicuro, per cui condivido la scelta. 

Per avere sotto controllo la situazione delle impostazioni sulla privacy si può utilizzare un tool gratuito e portable (quindi privo di installazione) messo a disposizione dalla affidabile O&O Software. Dopo avere scaricato il file zippato dal sito ufficiale, con O&O ShutUp10 avremo in un'attimo la situazione delle impostazioni sul PC analizzato. L'utilizzo è semplice e immediato (anche se in inglese), in rosso vengono evidenziate le voci attive (di default saranno tutte), mentre in verde quelle disattivate:

 

 

Oltre alle 12 voci previste dal menù impostazioni di Windows 10, è possibile agire anche sulle impostazioni di Windows Update. Il programma suddivide tutte le voci in 7 menù: Security, Privacy, Cortana, Location Services, User Behavior, Windows Update e Miscellaneous. Cliccando sul nome della voce è possibile leggerne la relativa descrizione:

 

 

Il controllo è affidato esclusivamente al tasto Actions, dove si può (consigliato) eseguire un backup delle impostazioni prima di procedere ed eventualmente tornare indietro (Create system restore point). Oltre ad agire sulle singole voci cliccando sul tastino verde/rosso a fianco del titolo voce, si possono applicare i settaggi raccomandati (le voci con la spunta verde) in un colpo solo, cosi come i settaggi con limitazioni (triangolo giallo) e quelli non consigliati (punto esclamativo rosso). 

 

recupero file cancellati con MiniTool Power Data Recovery

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Il recupero dati cancellati è un'operazione che non sempre si conclude positivamente. La migliore soluzione per non ritrovarsi in queste situazioni è quella di effettuare backup periodici e sistematici. Se poi, nonostante tutti i nostri accorgimenti, cancelliamo qualcosa che non dovevamo, allora possiamo affidarci a tool specifici di recupero come Power Data Recovery dalla software house canadese MiniTool. In funzionamento è molto semplice, dopo il download dal sito ufficiale, si procede con l'installazione che non presenta particolari accortezze se non quella di installarlo su un disco alternativo da quello su cui si vuole effettuare il recupero (nell'esempio il disco D per effettuare una scansione del C - figura 3). Una volta avviato si sceglie il disco dal quale vogliamo recuperare i file cancellati. Si attende la scansione alla ricerca di tutti i file persi (ne troverà tantissimi), quindi dopo un'anteprima si procede con il recupero. Oltre ai file cancellati e corrotti il programma permette il recupero dati dopo una nuova installazione di Windows e da partizioni cancellate. Quattro le licenze disponibile, di cui una Free limitata nelle funzioni.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

back to top ▲