virtualizzare un PC con sistema Windows Xp tramite Disk2vhd

Categoria: Soluzioni rapide
Scritto da Simone Losi
Visite: 3597
Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Prima Parte

Mi è capitato nei giorni scorsi di valutare una soluzione per migrare un vecchio PC aziendale equipaggiato con il vetusto Xp (ricordo che supporto e aggiornamenti sono terminati ad aprile 2014). Hardware e sistema operativo datati, per cui lentezza disarmante e rischi di rottura ormai più che probabili. Avendo una macchina decisamente più recente e con Windows 7 Professional installato, avrei potuto semplicemente optare per una nuova configurazione e sostituzione. Il particolare però di questo PC, che ne ha posticipato a lungo il pensionamento, è la presenza di tantissimi programmi installati di tipo ministeriale (tutti quelli di Sogei ad esempio) con relativi archivi storici. A questo punto mi sono orientato verso una soluzione virtuale. In particolare in Windows 7, ma solo sulle versioni Professional, Enterprise e Ultimate, è disponibile la modalità Windows XP all'interno di Windows Virtual PC. Una soluzione gratuita studiata ai tempi dell'uscita di Windows 7 per agevolare gli utenti costretti ad utilizzare software che all'epoca funzionavano solo sul precedente sistema operativo. Individuata la strada dovevo solo trovare il modo di convertire il PC con Windows Xp in una macchina virtuale. Windows Virtual PC infatti prevede già una macchina virtuale, ma si tratta di un'installazione pulita di Xp; per cui inutile per il mio scopo. Sul sito Technet di Microsoft esiste un'utility specifica per convertire un PC in una macchina virtuale. Disk2vhd crea un file, con estensione vhd, che contiene l'immagine del sistema che andremo poi a virtualizzare con Windows Virtual PC (successivo articolo). Scaricato il file compresso dal sito indicato sopra, si decomprime in una cartella a piacere e si avvia l'eseguibile. Si sceglie il percorso di destinazione dove salvare la macchina virtuale e l'unità da convertire (solitamente il disco di sistema C). In base alle dimensioni del disco di sistema da convertire, il file vhd ottenuto sarà più o meno grande (nel mio caso circa 40 GB). Prevedere quindi uno spazio adeguato dove salvarlo, consiglio in ogni caso un disco esterno per la fase successiva.

 

  

 

 

 

  

FaLang translation system by Faboba